Come promesso

Gli Stati Uniti mettono il becco nelle faccende della Siria “rivoluzionaria”. A quando l’Iran?

Il Post cita il Wall Street Journal:

Nei giorni scorsi il governo americano si era espresso per la prima volta in favore di un cambio di regime a Damasco. Il segretario di stato americano Hillary Clinton ha detto che il presidente siriano Assad ha ormai perso «legittimità» perché non ha risposto alle richieste della popolazione. Il Wall Street Journal scrive che gli Stati Uniti sono molto interessati a un cambiamento che potrebbe riscrivere gli equilibri geopolitici dell’area. Assad è stato un alleato prezioso del regime iraniano degli ayatollah negli ultimi anni e ha aiutato Teheran a rafforzare la sua influenza in Libano e in Palestina finanziando Hezbollah e Hamas.

La Siria era in agenda già da un po’, soprattutto quella degli Stati Uniti, che non perdono occasione per farsi gli affari (!) degli altri. Nonostante la Amina di “A Gay Girl in Damascus” fosse un falso, non si può negare la validità delle sue parole quando diceva che la rivoluzione siriana (come le altre) debba essere portata avanti dal popolo per sé stesso, senza interferenze di chi in realtà vuole solo lucrarci sopra ed espandere la propria egemonia piazzando a capo dello stato fantocci da manovrare.

Nessuno dice niente del fatto che gli Stati Uniti, tutti soli, “siano interessati” agli “equilibri geopolitici” del mondo intero per estendere la propria egemonia. È “legittima” questa egemonia, per usare le parole di Hillary Clinton? Gli Stati Uniti hanno sempre fatto quello che vogliono, fregandosene bellamente degli accordi internazionali, ma è un discorso sciocco, visto che sappiamo benissimo che tutto quello che fanno è diretto solamente a ingrassare le pance già gonfie di chi comanda davvero il mondo, cui lo stato americano è solo sede e strumento principale, vista appunto l’egemonia guadagnata nel corso del tempo, aiutata anche dai suddetti che se ne stanno dietro le quinte.

Un’ultima cosa per ricordarvi di valutare sempre la fonte delle informazioni: il Wall Street Journal è pubblicato dalla Dow Jones & Company, divisione della News Corporation, il cui presidente è Rupert Murdoch.

-m4p-

Magari v’interessa pure:

Annunci

Un commento su “Come promesso

  1. progemi ha detto:

    Aggiungerei che “accordi internazionali” (e ci metto la Nato e l’Onu quando non partono per cazzi loro) sono sempre una parola grossa da virgolettare perché quando si riuniscono non tutti i paesi hanno lo stesso peso e il diritto di veto..e indovina qual’è il paese che conta di più..uno a caso

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...