Assolutamente forse

Prima di leggere l’articolo, fate partire il video in fondo. Fatto? Bene. Buona lettura.

Sono una persona impulsiva e insicura. Non ve lo raccomando, non sono due tratti che vanno d’accordo. Per ovviare a questi limiti ho cominciato a ripetermi “calma, calma, calma”. Ma così mi sale l’ansia.

Appena tornato a casa dalla stagione, mi sono scervellato su questioni impellenti e importanti, con uno svarione diverso ogni giorno e cambi d’idea fulminei e infiniti, rafforzando il senso del sottotitolo di questo blog: un uomo solo è davvero in cattiva compagnia. O forse solo io, boh. In tal caso, che cazzo ne sapeva Paul Valéry?

Al titolo ho trovato invece una nuova chiave di lettura, specchio delle due facce da culo del mio carattere: l’impulsività dell’Assolutamente e l’insicurezza del forse. Un’epifania, devo tatuarmelo sulla clavicola sinistra, fotografarlo da vicino con un’angolazione evocativa, farmi aiutare da Instagram e metterlo come nuovo header del blog. O magari lascio tutto così, ho passato due notti a scorrere e riscorrere tutti i temi di WordPress, vedere le anteprime, analizzare i dettagli e poi niente, ho appena creato un album su Facebook sulla base di questo header, poi va a finire come quando ho fatto gli adesivi con la vecchia immagine della pagina e poi ho cambiato il tema del blog in quello attuale, rischiando una crisi d’identità, soprattutto adesso che ho cambiato le immagini del profilo di tutti gli account sparsi in giro uniformandole ad Af.

Ok, ok, questa parentesi non c’entra niente con il tema del post, che verte sulle conseguenze innescabili da una miscela così esplosiva. Ne parlavo con un’altra blogger:

– È stato un incubo o ti è piaciuto? O entrambi?
– Prima la prima, poi la seconda. Ne è valsa la pena.
– Ogni esperienza vale!
– Sì, anche se ho fatto qualche cazzata a livello umano/sentimentale.
– E chi non le fa?
– Eh lo so ma mi rode il cazzo, soprattutto perché le ho incastrate tutte tra di loro.
– Non ti dico cos’ho fatto io… comunque complimenti per la varietà del casino. Adoro i casini erotico-sentimentali.
– Ho un talento naturale. Prima o poi dovrò cominciare a tener da conto i sentimenti delle persone.
– Io non ci riesco. I’m a bitch.
– Siamo in due.

Tempo addietro stavo per mollare tutto e tutti in preda a una passione travolgente –non sarebbe stata la prima volta– ma avevo paura di non essere ricambiato con la stessa forza.
E se ho paura non mi fido.
E se non mi fido divento paranoico.
E se mi faccio le paranoie divento oppressivo.
E se opprimo logoro il rapporto.
E un rapporto logorato non si può recuperare.
Si può solo lasciar andare.
E non è l’unico che si rischia di perdere, quando si agisce con superficialità.
Vedremo.

Va tutto bene.

-m4p-

Annunci

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...